Castagna | Frutto ricco di proprietà nutritive | Sicurezza Alimentare

Consulenza e Formazione su Sicurezza Alimentare e metodi HACCP | Noacco Lorenzo

Castagna | Frutto ricco di proprietà nutritive | Sicurezza Alimentare

castagna
I colori dell’autunno, i sentieri nei boschi ricoperti di foglie di mille colori cadute per il vento, il cinguettare degli uccellini pronti per partire per terre lontane e temperature miti…
e li, sotto quel tappeto di foglie arrossite cosa c’è?

Il riccio di una castagna che fa capolino

ogni stagione ha i suoi frutti: come non associare all’autunno una buona e saporita castagna?

 

 

Sappiamo tutti che le castagne sono il frutto dell’albero del castagno.

Però, come per mele, pere e altri frutti ancora, anche la famiglia delle castagne è composta da infinite varietà e dimensioni.

Da quelle selvatiche a quelle coltivate (marroni) con gusti e consistenze anche differenti tra loro.

Se vi fermate su una panchina a chiacchierare con un anziano del paese non stupitevi troppo se definirà il castagno “l’albero del pane”: per molto tempo, soprattutto durante i periodi duri di guerra, la castagna è stata una importante fonte di nutrimento e approvvigionamento alimentare.

E’ infatti un frutto molto ricco di carboidrati:  la sua raccolta era un momento importate che permetteva di immagazzinare cibo per l’intera annata.

Venivano conservate o direttamente come frutti interi oppure sotto forma di farina.

Farina di castagne che è, ancora ai giorni nostri,un ottimo alimento, ricca di nutrienti e cosa ancora più importante priva di glutine quindi adatta anche ai celiaci.

Caratteristiche nutrizionali:

  • Ricche di fibre e minerali, aiutano, grazie al loro apporto calorico in caso di stanchezza, affaticamento e anemia.
  • Se assunte in gravidanza grazie al loro acido folico danno una mano a prevenire eventuali malformazioni fetali.
  • Simili ai cereali, grazie ai loro carboidrati complessi, sono adatte anche a chi presenta intolleranze alimentari.
  • Riducono il colesterolo.
  • Riequilibrano la flora batteria.
  • Contengono: potassio, fosforo, zolfo, sodio, calcio e cloro.

 

Da ultimo un consiglio per chi volesse conservare a casa un po di questi deliziosi frutti: anche se somigliano molto a frutta secca in realtà non lo sono, hanno un contenuto più elevato di acqua al loro interno di conseguenza il posto migliore per conservarle è il frigorifero.  Li si preserveranno sane e gustose  più a lungo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *